Associazione Zuhören Schweiz

Qual è il suono del silenzio? Quale suono produce un determinato posto, un fiume, un prato, una stanza? L’ascolto, come esperienza sensoriale auditiva e competenza culturale, è al centro del nostro lavoro.

L’associazione Zuhören Schweiz si concentra sull’importanza dell’ascolto attento e contribuisce, tramite progetti educativi, a sviluppare le capacità d’ascolto di bambini e adolescenti, consentendo loro di catturare rumori e suoni, di comporre opere sonore e di percepire il loro ambiente mediante l’ascolto.

Zuhören Schweiz è stata fondata il 26 settembre 2012 con sede a Basilea e svolge attività in tutta la Svizzera. Il suo obbiettivo è quello di richiamare l’attenzione sull’importanza dell’ascolto come competenza di base culturale e di realizzare progetti per l’ascolto.

L’ascolto, come elemento educativo, è inteso come la capacità di comprensione auditiva e la capacità di ascoltare meglio le altre persone (anche persone di altre origini e culture), al fine di promuovere la comprensione reciproca. Secondo gli statuti, Zuhören Schweiz può anche partecipare a progetti in collaborazioni internazionali, per esempio con la fondazione tedesca Stiftung Zuhören.

Progetti in corso:

«Ears at Work»

Creare un pezzo audio o una canzone, con l'aiuto di audio designer e musicisti professionisti e, allo stesso tempo, esplorare il mondo del lavoro? Tutto ciò è possibile - con il progetto «Ears at Work» (Orecchie al lavoro).

I giovani interessati a professioni artigianali o tecniche, esplorano in modo creativo il mondo del lavoro, progettando e creando i propri prodotti artistici. Nelle attività acustiche e visive con le imprese artigianali e industriali della loro regione, i giovani sperimentano come gli ambienti di lavoro si rappresentano a livello di percezione. Dai suoni industriali e delle macchine, dalle interviste ai dipendenti e dalla loro musica propria, i giovani producono pezzi audio.

«Ears at Work» – qui le orecchie sono veramente al lavoro, sotto ogni aspetto: esplorando con l'udito gli ambienti di lavoro, ascoltando attivamente le interviste con i dipendenti delle imprese, creando (montaggio/collage) il pezzo audio e, infine, ascoltando con gioia il proprio prodotto. Per i giovani di età compresa tra i 15 e i 25 anni.

Questo progetto è sostenuto dalla Fondazione Drosos, l'Ufficio federale delle assicurazioni sociali e Josef Müller Stiftung Muri

«Radiodramma»

Cosa significa esattamente essere in grado di ascoltare? E cosa contraddistingue un buon radiodramma? Nel progetto «HörSpielZeit», le classi delle scuole elementari nella Svizzera tedesca scoprono i diversi aspetti dell'ascolto e della letteratura in formato audio.

«HörSpielZeit» porta nelle scuole idee di ascolto relative al Lehrplan 21 e alle produzioni, tra l'altro, della Radio e Televisione Svizzera. Dopo una fase di insegnamento di 4-6 settimane, le classi sono in grado di elaborare un proprio radiodramma, ad esempio nell'ambito delle giornate pilota. Se necessario, sono sostenute da operatori culturali del settore audio.

Ulteriori informazioni sono disponibili qui (in tedesco)

«Clubs d’ascolto Svizzera»

Come parte di questo progetto pilota (2015-18), nelle strutture diurne delle scuole nella Svizzera tedesca verranno creati dei club d’ascolto. I membri di questi club si riuniscono una volta alla settimana per ascoltare ed inventare storie, per sperimentare con suoni e per fare giochi d’ascolto. Sulla base dell’omonimo concetto della fondazione Stiftung Zuhören, si promuove l’ascolto in modo divertente mediante audiolibri e set di CD per diverse fasce d’età. Nel progetto pilota, la creatività dei bambini ha un’altissima importanza. Per tanto, nel corso di un anno scolastico ogni club elabora un proprio audiolibro, che verrà poi registrato in un audio-workshop con l’aiuto di esperti esterni e, se possibile, trasmesso alla radio.

Questo progetto è sostenuto dalla Stiftung Mercator Schweiz

«Orecchie in viaggio»

Adolescenti e adulti, provenienti da diversi paesi di origine, creano collage audio e contributi radiofonici di ambienti acustici tipici e di esperienze sonore speciali delle loro case precedenti o attuali.

Cosa notiamo acusticamente quando ci trasferiamo in un altro paese, una nuova città, un appartamento sconosciuto? Che suoni portiamo con noi? E in che modo i suoni influenzano la nostra familiarità con un luogo?

I pezzi audio sono realizzati nell'ambito di workshop con istituzioni di quartiere, scuole di lingua e stazioni radio locali indipendenti nei cantoni di Basilea Città (2018), Argovia (2019), Zurigo (2019), Berna (2021) e Lucerna (2022). Sono presentati ad un vasto pubblico in occasione di eventi pubblici, trasmissioni radiofoniche e una mostra itinerante con stazioni audio.

Potete trovare qui i nostri partner di progetto, nonché tutte le riproduzioni audio e i programmi radiofonici da ascoltare.

«Ecco i suoni del nostro mondo»

Che suoni fa la città? Cosa sentiamo in campagna? Quali rumori sentiamo dentro e quali fuori? Il suono di Basilea è tipico di Basilea, e quello di Friburgo è tipico di Friburgo?

I bambini di una classe per ogni cantone hanno approfondito queste domande. Assieme ai musicisti Sylwia Zytynska e Abril Padilla come anche a tecnici del suono hanno sviluppato cartoline postali acustiche con tipici rumori e suoni, e con storie e canzoni della regione. Dai pezzi finiti è stata allestita nel corso del progetto un’intera mappa acustica della Svizzera, che si può ascoltare oggi su Internet.

Questo progetto è stato sostenuto dalla Fondazione Drosos

«Ascoltare il paesaggio sonoro»

In collaborazione con diversi partner vengono ripetutamente organizzati eventi musicali in vari punti delle città, in cui l’ascolto e l’esplorazione dell’architettura, dello spazio e della topografia giocano un ruolo centrale.

Eventi (sito in tedesco)

«Il suono del linguaggio» (SpraCHklang)

Quattro musiciste e musicisti residenti in Svizzera sono stati incaricati di elaborare un pezzo audio sul tema del «suono del linguaggio» in ciascuna delle regioni di lingua tedesca, francese, italiana e romancia. Le musiciste e i musicisti hanno lavorato in collaborazione con la popolazione locale, hanno registrato i suoni caratteristici delle lingue ed sono stati in un intercambio tra loro, così che nei quattro pezzi audio si è venuto a sviluppare anche un dialogo interiore sulla diversità linguistica nel nostro paese. Inoltre, gli artisti incaricati si sono occupati di ambienti sonori tipici di diverse regioni, allestendone delle registrazioni. Le registrazioni parlate e il materiale sonoro sono stati trasformati in pezzi audio di tipo e durata molto diversi. Sulla base di questi pezzi audio, in occasione dell'anniversario della Fondazione Oertli, si è svolta una performance dal vivo con miniature strumentali e vocali. I pezzi audio, come nucleo del lavoro, sono disponibili qui per l'ascolto.

Con: Amadis Brugnoni, Abril Padilla, Peter Conradin Zumthor e Sylwia Zytynska (direzione musicale)

Periodo: 2016 – 2017

Con il sostegno della Fondazione Oertli

Contatto

Zuhören Schweiz
Feierabendstrasse 80
CH – 4051 Basel
Tel. +41 (0)61 271 75 03
info@zuhoeren-schweiz.ch
www.zuhoeren-schweiz.ch

Arrivo con mezzi pubblici:

Dalla stazione di Basilea FFS con il tram numero 1 in direzione «Markthalle / Dreirosenbrücke» o con il tram numero 8 in direzione «Neuweilerstrasse» fino alla fermata «Schützenhaus».

Dalla stazione ferroviaria «Badischer Bahnhof» con il tram numero 6 in direzione «Allschwil» fino alla fermata «Schützenmattstrasse».

Comitato direttivo

Dr. Meret Forster (redattrice BR-Klassik, Monaco di Baviera)
Dr. Marie-Anne Steinemann (pediatra, Basilea)
Prof. Dr. Justin Winkler (professore di geografia, Basilea)
Sylwia Zytynska (musicista e pedagoga, Basilea)

Sede

Michael Schneider, direttore amministrativo
schneider@zuhoeren-schweiz.ch

Jacqueline Beck, responsabile di progetti
beck@zuhoeren-schweiz.ch

Sylwia Zytynska, direttrice artistica e pedagogica
zytynska@zuhoeren-schweiz.ch

Franziska Breuning, formazione e congressi
breuning@zuhoeren-schweiz.ch

Florian Senn, freelance
senn@zuhoeren-schweiz.ch